Il dilemma dei negoziatori

Mara Angeloni è il capo della delegazione italiana. È una ragazza (si avete capito bene, in perfetto non stile italiano il capo del nostro team è giovane) simpatica e molto gentile. Contrariamente alla maggioranza dei negoziatori presenti alla conferenza di Bonn sui cambiamenti climatici, lei non è laureata in materie umanistiche, ma in statistica. Le chiedo se non sarebbe il caso di accelerare un pò questi negoziati, dato che l’impressione generale è che stiano procedendo davvero lentamente, ma Mara dice che al momento sono lenti proprio perchè ora si è nel pieno della trattativa, flagyl no prescription quindi ogni paese aspetta di vedere quali mosse faranno gli altri.

Lo spazio per negoziare c’è, anche se ogni paese fornisce ai negoziatori precise indicazioni politiche stabilite già prima dell’inizio della conferenza; c’è una range per negoziare, e ovviamente il loro compito è di portare a casa il massimo risultato politico possibile. Ma il negoziatore non ha autonomia decisionale, è solamente uno strumento della politica; chi decide sono i policy makers a casa.

Mara dice che l’Italia appoggerà un impegno dell’UE di riduzione delle emissioni (rispetto ai livelli del 1990) del 20% nel 2020, e di essere disponibile ad una ulteriore riduzione per un totale del 30% nel caso di un accordo globale. Penso che tutti i negoziatori qui a Bonn sanno che questi numeri rappresentino il minimo sforzo che si possa fare, e che non basta assolutamente! In realtà semplicemente riducendo le inefficienze e applicando la tecnologia disponibile sarebbe già possibile ridurre le emissioni a questi livelli.

Dov'è quindi lo sforzo? Non si sta facendo abbastanza, e i negoziatori questo lo sanno. Ma il lavoro del negoziatore non è un lavoro semplice; da massimi professionisti devono lasciare le idee personali al di fuori dei negoziati e trattare alle condizioni richieste dai governi.

È incredibile vedere a che velocità comprano le magliette “quanti anni avrai nel 2050?”, ma allo stesso tempo la lentezza con la buy synthroid no prescription quale i loro negoziati procedono..

post successivo:
Fai sentire la tua voce!
post precedente:
Fossile del giorno

Associazione di promozione sociale, culturale e sportiva dilettantistica Greensharing - Via Mazzini 166, 65122 Pescara, Italy - P.Iva 01896240684 - Privacy