Avete bisogno di voi!

519240547_86e6b3be05Sei più importante di quanto tu creda. Può sembrare una tipica frase di quelle conferenze per migliorare la vostra autostima, ma in realtà nel contesto dei cambiamenti climatici, in questo preciso momento nulla è più veritiero di quella frase.

Mancano circa tre mesi al COP15 di Copenhagen ed è importante ricordare che voi avete bisogno di voi; si, voi, perché se questo progetto avrà successo i maggiori beneficiari sarete proprio voi.

Qualche giorno fa ho avuto una piacevole conversazione con il nostro coordinatore Josh; dopo la telefonata, no prescription xenical pensando su quanto discusso è aumentata la buy kamagra on internet mia personale convinzione riguardo l’attitudine dei diversi soggetti nei confronti dei cambiamenti climatici.

Quale? Dunque, i diversi governi sanno benissimo che cosa sta accadendo, cosa stanno facendo e a cosa andiamo incontro; ma in realtà cosa fanno? Per ora poco e/o nulla. Basta leggere uno dei tanti post che abbiamo qui sul nostro sito per capirlo.

E le grandi organizzazioni non governative (ONG) che fanno? Può sembrare un’eresia poiché indirettamente sono loro che finanziano questo progetto ma, almeno dal mio punto di vista, nel mio paese davvero non fanno abbastanza – o se volete “non fanno nulla di straordinario”.

È vero che è anche parte del nostro compito, come tracker di adopanegotiator (AAN), di creare ed espandere una rete di informazioni su ciò che avviene riguardo i cambiamenti climatici e le conferenze ONU dove vengono negoziate politiche e prese le decisioni, ma perché questo avvenga è come dice Josh, doxycycline buy safe online ovvero è un po’ come la storia dell’uovo e della gallina: perché il progetto viaggi sulla bocca di tutti e la rete si espanda, deve essere reclamizzato dai media per essere così considerato valido dalle persone, o viceversa?

Per quanto mi riguarda posso dire che li nostro progetto è valido. Altrimenti non sarebbe stato rifinanziato. Altrimenti il Guardian e molti altri giornali non scriverebbero di noi. Altrimenti Yvo de buy zithromax without a prescription Boer non sarebbe a conoscenza di noi.

Una cosa è sicura. Io e il mio amico/socio Fabio abbiamo mandato centinaia di mail a mezzi di stampa, organizzazioni e cheap generic viagra no prescription associazioni, per reclamizzare il nostro progetto ma senza riscuotere troppo successo – almeno una recensione no?

Che cosa c’è di sbagliato in Italia?

Eppure in questo momento se mettiamo sulla bilancia il nostro progetto con molte altre notizie che ricevono quotidianamente spazio in tv, sui giornali o sui portali.. bhè, ditemi voi.

Ma torniamo al discorso iniziale; vi chiederete, cosa possiamo fare noi?

È semplice, potete aiutarci a far parlare di noi, in modo da darci una mano per trovare una soluzione al quesito dell’uovo e della gallina. Se a quanto pare in Italia il progetto è valido solo se è reclamizzato, allora reclamizziamolo.

Come? Li entrate in gioco voi.

Un esempio. Ho passato gli ultimi mesi a Dublino, lavorando come coordinatore in un college per le vacanze studio. Prendiamo tre delle tante persone dello staff con cui ho lavorato insieme: Piera, Marilina e Francesco.

Loro possono testimoniare come spesso non perdevo occasione per parlare del progetto o dei cambiamenti climatici, ma ora entrano in gioco loro. Se Marilina e Piera passano queste informazioni, questi link a tutti i loro amici universitari, e se Francesco fa lo stesso in Sardegna, magari anche con i suoi ragazzi della scuola calcio, e così poi gli altri ad altri. E gli altri ad altri ancora. Così si può creare un movimento importante, e se più ne siamo e più si parlerà di noi, e più si parlerà di noi e più saremo in grado di far pesare le nostre idee sulle scelte dei governi, ecco che arriveremo al nostro scopo.

Quindi, aiutateci ad aiutarvi.. spargete la voce!

post precedente:
100!

Associazione di promozione sociale, culturale e sportiva dilettantistica Greensharing - Via Mazzini 166, 65122 Pescara, Italy - P.Iva 01896240684 - Privacy