Pescara, una città a misura d’auto.

Per quanti non avessero avuto l'occasione di leggere il nostro articolo sullo stato e la pressione del traffico nella città di Pescara, pubblicato nella scorsa edizione della rivista Sipario (n. 342 ed. Pescara e Chieti), ne allego le scansioni.

Un sentito ringraziamento alla dott.ssa Maria Paola Iannella per la uk cheap viagra online pubblicazione dell'articolo.

Spero l'abbiate trovato interessante; per domande, critiche e suggerimenti potete lasciare un commento qui sotto o inviarci una mail dalla pagina contatti.

post successivo:
Déjà vu

3 commenti

  1. 29 Mar alle 12:50 pm

    Vorrei esprimere una personalissima opinione non proprio malsana.Avete sfiorato solamente,e non voglio rimproverarvi,quello che è uno dei maggiori problemi ambientali del comune di Pescara:i mezzi pubblici.Ce ne sono abbastanza per sopperire alle necessità dei pochi (sigh) passeggeri ma quanti mezzi sono eco-friendly?Io vedo abbastanza fumo nero uscire dagli scarichi e spesso sono a malapena coperti la metà dei posti a sedere,con la quasi certa assenza di controllori.I controllori sugli autobus pubblici sono in via di estinzione come i panda?Perchè a nessun amministratore viene in mente di arruolarne ma soprattutto di controllare l'attività di questa importante figura?Si potrebbe benissimo investire,e mi riferisco naturalmente alla gtm,gli entroiti delle multe ma soprattutto spero delle vendite dei biglietti per acquistare autobus elettrici.Siamo nel 2010 e circolano ancora mezzi con carrozzeria arancione di cui sarei curioso sapere l'anno di immatricolazione.
    Spero mi scuserete per il mio lungo intervento ma vorrei concludere con un proclama:Basta con le pantomime chiamate "domeniche ecologiche".

  2. 29 Mar alle 6:31 pm

    condivido il discorso sui controllori anche perché la loro presenza non è importante solo per le sanzioni, viagra internet che potrebbero portare anche a biglietti ed abbonamenti meno cari per tutti, ma sarebbe molto utile anche ad aumentare il senso di sicurezza dei cittadini.
    inoltre i controllori potrebbero aiutare enormemente la gtm nella gestione fornendo informazioni su quanto siano frequentate certe tratte, in quali orari ecc.. per aiutare a risolvere il problema degli autobus mezzi vuoti, ma anche di quelli strapieni.
    per le domeniche ecologiche invece rimango, come nell'articolo, dell'idea che non sono "la soluzione" ma, accompagnate da importanti campagne di educazione e informazione, possono esserne parte ;)

  3. andrea
    16 Nov alle 8:31 pm

    per vedere meglio l’articolo cliccare sulle foto col pulsante destro ed aprire in nuova pagina!

Associazione di promozione sociale, culturale e sportiva dilettantistica Greensharing - Via Mazzini 166, 65122 Pescara, Italy - P.Iva 01896240684 - Privacy